Quel poveraccio di Enrico IV

Chi di noi non ha goduto un po’ pensando a quel poveraccio di Enrico IV, scalzo e con abiti dimessi, il capo cosparso di cenere, che sotto alla neve aspetta due o tre giorni che Gregorio VII lo riceva per togliergli la scomunica? Ma sì, quell’episodio famoso accaduto nel castello di Canossa, i primi giorni del 1077, dove Matilde ospitava momentaneamente il papa. Quest’ultimo era in viaggio verso la Germania, mentre Enrico IV era sceso in Italia per incontrarlo. In buona sostanza, l’imperatore aveva scomunicato, per così dire, il papa, definito “monaco falso”, e il secondo aveva risposto per le rime, chiamandolo “spergiuro, adultero e falso”.

Insomma, i due non si piacevano.

Dopo tre giorni il papa decise di far entrare Enrico IV, e gli tolse la scomunica. La cosa durò poco, e non più tardi di tre anni dopo il papa lo scomunicò di nuovo. La lotta per le investiture era lontana dal ricomporsi.

Gregorio VII, Ildebrando di Soana, proprio oggi 22 aprile, del 1073, venne eletto papa.

L’etica della reciprocità, ma per tutti!

Tra i valori morali che dovrebbero accompagnare l’esistenza di ogni individuo, c’è quello che viene genericamente definito come “etica della reciprocità”, oppure “regola d’oro”, che in tutti i tempi e in tutte le culture è stato variamente espresso.

Di cosa si tratta? Semplicemente del “non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te”, la cui versione più robusta sarebbe “fai agli altri quello che vorresti fosse fatto a te”, ma il risultato non cambia, ed è chiaro per tutti. Praticamente tutte le religioni del mondo l’hanno fatta propria e declinata con pochissime differenze.

Continua a leggere L’etica della reciprocità, ma per tutti!

Guardando quest’ape

Guardando quest’ape che stava bottinando sui fiori di casa mia, mi è tornato in mente l’etologo austriaco Karl von Frisch che fu il primo a scoprire e spiegare la loro danza. Egli si accorse che il movimento delle api quando tornano all’alveare non è casuale, ma segue precise regole e serve ad indicare alle altre dove si trovano i fiori.

Un movimento complicato ma accuratissimo, che anche grazie a successivi studi è stato pienamente codificato dall’uomo. Con esso si trasmette alle altre api la direzione, la distanza, e altre informazioni relative alla fonte di cibo. Il movimento cambia a seconda della posizione del sole.

Grazie a questa scoperta, Karl von Frisch fu insignito del premio Nobel nel 1973, insieme a Konrad Lorenz, con il quale gettò le basi dell’etologia.

 

I nostri Irminsul

Le campagne militari di Carlo Magno contro i Sassoni, un popolo ancora pagano e diviso in varie tribù che mal volentieri si adattavano alla conversione cristiana e all’obbedienza nei confronti dei Franchi, durarono almeno un trentennio.

Le violenze e le devastazioni da una parte e dall’altra furono numerose. Nell’eccidio di Verden, almeno 4500 Sassoni furono uccisi a sangue freddo, avendo rifiutato di convertirsi, mentre il loro re Vitichindo riuscì a salvarsi.

Continua a leggere I nostri Irminsul

Un giorno imprecisato tra il 1907 e il 1908

Un giorno imprecisato tra il 1907 e il 1908, Harry Bensley scommise con alcune persone che avrebbe compiuto il giro del mondo in maniera anonima indossando un elmo, e rispettando alcune condizioni, tra le quali l’impegno a non toglierselo mai, quello di portarsi dietro una carrozzina, quello di vivere vendendo cartoline celebrative dell’evento ed infine quello di prendere moglie durante il viaggio.

Continua a leggere Un giorno imprecisato tra il 1907 e il 1908

Tutti quelli come me

Tutti quelli come me, che qualche decennio fa hanno potuto fare obiezione di coscienza al servizio militare, senza finire in galera, hanno un enorme debito di riconoscenza verso questo signore, che lui sì, qualche tempo prima, in galera ci andò.

Ci andò per difendere il diritto delle persone di non addestrarsi alla violenza e alle armi, di non obbedire ad un dovere che era considerato inevitabile e l’unico modo per servire il proprio Paese, quando invece anche chi non indossa una uniforme avrebbe potuto farlo con pari dignità, ad esempio con il Servizio Civile.

Grazie Pietro Pinna, scomparso oggi quattro anni fa, attivista della nonviolenza, primo obiettore di coscienza italiano per motivi politici.

 

Nonostante la colomba pasquale

Nonostante la colomba pasquale come la conosciamo noi sia un’invenzione commerciale del secolo scorso, esistono anche leggende che legano questo dolce ai Longobardi.

Una di queste narra che Alboino durante l’assedio di Pavia, che poi sarebbe diventata la capitale del regno longobardo, si vide offrire da una ragazza un dolce in quella forma, che gli piacque così tanto da risparmiare dalla morte tutti gli abitanti della città lombarda.

Continua a leggere Nonostante la colomba pasquale

Alla fine di gennaio 1959

Alla fine di gennaio del 1959, un gruppo di ragazzi e ragazze, la maggior parte studenti o laureati dell’Istituto Politecnico degli Urali, in Unione Sovietica, decise di fare una escursione per raggiungere il monte Otorten. Erano tutti molto esperti, avevano già partecipato a spedizioni analoghe, e il percorso, pur considerato difficile, non destava particolari preoccupazioni.

Il 27 gennaio i dieci alpinisti si misero in cammino. Uno di loro, a causa di una indisposizione, dovette tornare indietro; nove proseguirono.

Continua a leggere Alla fine di gennaio 1959

I morti

Una Fondazione che ha lo scopo di mantenere e raccontare le storie delle persone povere o sconosciute che in molte decine di anni sono state sepolte nelle fosse comuni di un’isoletta davanti a New York: Hart Island.

Da quando è iniziata questa pratica, almeno un miliione di persone sono state sepolte qui.

Chiunque conosca la storia di qualcuna di esse, può contribuire a raccontarla.

https://www.hartisland.net/